Bonus partita IVA 2024, ecco l’elenco completo e aggiornato delle agevolazioni attive: novità, conferme e requisiti

Bonus partita IVA 2024, ecco l’elenco completo e aggiornato delle agevolazioni attive: novità, conferme e requisiti

Pubblicato il: 09/05/2024

Nel 2024 ci sono stati cambiamenti nel mondo dei bonus per le Partite Iva. I lavoratori autonomi, i professionisti e le imprese individuali hanno dovuto dire addio a varie agevolazioni. Però, niente paura: alcuni bonus sono stati prorogati anche per quest’anno e altre nuove misure sono state introdotte.

Quali sono gli incentivi a cui le Partite Iva hanno diritto nel 2024?

Innanzitutto, è possibile accedere a misure per aiutare l’avvio o lo sviluppo dell’attività d’impresa. Si fa riferimento ai contributi a fondo perduto e, in particolare, all’agevolazione “Resto al Sud” e alla misura “On – Oltre nuove imprese a tasso zero”.

Il bonus “Resto al Sud” è un’agevolazione pensata per aiutare coloro che hanno tra i 18 e i 55 anni e hanno o vogliono avviare un’attività imprenditoriale o libero professionale in determinati territori d’Italia:

  • Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia;
  • nelle aree del Centro colpite dal terremoto: Lazio, Marche, Umbria;
  • nelle isole marine, lagunari e lacustri del Centro-Nord.

Al fine di sostenere la creazione o lo sviluppo di queste attività, potranno essere finanziate spese come la ristrutturazione o la manutenzione straordinaria di beni immobili, spese per macchinari e impianti nuovi o per programmi informatici e servizi per le tecnologie, nonché spese di gestione (come, ad esempio, quelle per materie prime, utenze, canoni di locazione).

L’agevolazione copre il 100% delle spese ammissibili e funziona in questo modo: un 50% di contributo a fondo perduto, mentre l’altro 50% di finanziamento bancario.

Ancora, per tutto il territorio nazionale, con lo scopo di aiutare la nascita e la crescita di micro e piccole imprese con almeno il 51% da lavoratori tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età, c’è la misura “On – Oltre nuove imprese a tasso zero”.

In questo ultimo caso, le agevolazioni prendono la forma di un finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di dieci anni, e di un contributo a fondo perduto, per un ammontare fino al 90% della spesa ammissibile prevista dal programma di investimento dell’impresa (programma che dovrà essere realizzato entro ventiquattro mesi dalla data di stipulazione del contratto di finanziamento).

Tuttavia, le Partite Iva possono beneficiare anche di altre differenti tipologie di misure che consistono in un sostegno economico al reddito.

Per i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata, è stata prorogata la c.d. ISCRO (indennità straordinaria di continuità reddituale operativa): ossia, un contributo economico erogato per sei mesi.

Per godere di questa indennità, occorre avere (e mantenere) questi requisiti:

  • essere titolare di Partita Iva da almeno tre anni al momento della domanda;
  • essere in regola con i contributi previdenziali obbligatori;
  • non percepire l’assegno di inclusione;
  • non essere né titolare di trattamenti pensionistici diretti, né assicurato presso altre forme previdenziali obbligatorie;
  • nell’anno precedente alla domanda, occorre aver prodotto un reddito di lavoro autonomo inferiore al 70% della media dei redditi da lavoro autonomo conseguiti nei due anni precedenti;
  • nell’anno precedente alla domanda, bisogna aver dichiarato un reddito da lavoro autonomo non superiore a 12.000 euro.

Il contributo è pari al 25%, su base semestrale, della media dei redditi da lavoro autonomo dichiarati nei due anni precedenti all’anno precedente alla presentazione della domanda. Però, a prescindere da questa media, l’ammontare non potrà essere né inferiore a 250 euro mensili, né maggiore di 800 euro mensili.

Ancora, c’è il c.d. Assegno di inclusione (Adi): ossia, la nuova misura di sostegno economico che ha sostituito il Reddito di cittadinanza.

È un beneficio che, in presenza di determinate condizioni (requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno; requisiti soggettivi; requisiti economici e patrimoniali), viene riconosciuto ai nuclei familiari fragili: cioè, quei nuclei che hanno almeno un componente con disabilità o minorenne o con almeno sessant’anni o in condizione di svantaggio e inserito in un programma di cura e assistenza dei servizi socio-sanitari territoriali certificato dalla pubblica amministrazione.

In conclusione, anche per il 2024, i titolari di Partita Iva potranno usufruire di vari bonus.


Vai alla Fonte